ONCE

La Fanciulla Senza Mani

liberamente ispirato a “La Fanciulla senza mani” dei Fratelli Grimm

fanciulla

Di e con Alessandra Caviglia e Sara Due Torri
Costumi Aline Bozzo e Francesco Givone
Disegno luci Federico Canibus
Musiche a cura di Andrea Anzaldi e Sara Due Torri
In coproduzione con Once, Straligut Teatro, Corte dei Miracoli
Spettacolo di narrazione e danza adatto a tutte le età
(consigliato dai 7 anni in su)
Durata 50′  

Un mugnaio diventato povero incontrò nel bosco uno strano vecchio che gli disse: “Ti renderò ricco se in cambio mi darai quello che hai dietro il mulino!” “Dietro al mio mulino c’è solo il vecchio melo”, pensò il mugnaio acconsentendo al patto. Sciaguratamente si sbagliava, perché dietro al mulino c’era sua figlia che giocava nel cortile. Ma l’accordo con il diavolo era ormai stretto e la cattiva sorte si abbatté sulla fanciulla…

Questa fiaba narra dello smarrimento e del ritrovamento, del perdere e del vincere, della resistenza come valore della vita. Una storia d’amore tra la fanciulla e il re, che nella ricerca l’uno dell’altro scoprono un nuovo accesso a se stessi, ad un sé autentico così e solo allora vissero felici e contenti!

La Fanciulla è una vera eroina che realizza la propria felicità con le sue sole forze senza aspettare principi azzurri o draghi viola!

La messa in scena di questa fiaba così profonda e riflessiva vive grazie ad un linguaggio visuale curato, in stile “Tim Burtiano” e a un sottile umorismo.

 

Commenti del pubblico 

“Mi ha fatto ridere.. mi è piaciuto molto.”  Irene 10 anni

“E’ stato bellissimo” 11 anni

“Questo spettacolo è stato stupendo, inquietante al punto giusto. bravissime Maya e Anita, 12 anni.

“22 anni. grazie per avermi regalato tante emozioni.”

“Spettacolo onirico ed ipnotico.” 24 anni

“Bellissimo e commovente. non mi aspettavo la lacrimuccia!” Marta 28 anni

“Fantastico, a tratti un poco pauroso, emozionante. grazie” Valentina 35.

“Belle musiche bella carica nei vostri corpi. le mie piccole figlie (7, 5) mi sono sembrate affascinate  Giampaolo (43).”

“ho 40 anni e comunque alla fine ho pianto..”